Neri Binazzi

Professore associato di linguistica italiana presso l'Università degli studi di Firenze

Kontakt: neri.binazzi@unifi.it

Homepage

Ein Statement von mir zu den Digital Humanities:

Uno dei miei interessi principali riguarda l’analisi del comportamento linguistico considerato come luogo di manifestazione e di definizione del senso di appartenenza del parlante. Le testimonianze di parlato raccolte per la redazione del Vocabolario del fiorentino contemporaneo (VFC), progetto di cui sono coordinatore per l’Accademia della Crusca, mostrano infatti che per il parlante la competenza lessicale è definita, in modo inscindibile, dalla pertinenza della parola con specifici modi d’uso e con la possibilità di attivare connessioni con altrettanto specifici ambienti socio-antropologici. Per le sue caratteristiche, il VFC costituisce un’entità complessa, essendo molto di più di una raccolta di voci dialettali. In primo luogo la scelta di dare ampio spazio alla reale produzione linguistica e al punto di vista degli attori del dialetto rende l’opera, seppur entro certi limiti, assimilabile a un corpus di parlato. Inoltre l’esplicitazione della genesi del lemmario che è stato sottoposto a inchiesta offre una sorta di retroterra storico alla testimonianza contemporanea, in termini attestazioni nella lessicografia, e rende in certo modo conto del suo rapporto con la lingua. Infine la riproposizione di una consistente parte del lemmario stesso in tre aree diverse può offrire spunto per valutare dinamiche interne alla città. La costituzione in banca dati elettronica permette di rendere conto di ognuna di queste valenze, e dunque la compilazione del VFC ha richiesto, fin dai suoi inizi, il ricorso alla tecnologia digitale (cfr. Link).